Processo 2: La Scatola Magica della Creazione

Immaginate di stare seduti su una sedia, e che accanto a voi ci sia una bella scatola. Sapete che siete dei creatori, e che questo contenitore è una vostra creazione; è il vostro mondo, per così dire. Voi, seduti su quella sedia, siete come giganti, e avete la possibilità di afferrare qualunque oggetto di questo Universo fisico e di metterlo nella scatola.

Prendete quindi una bella casa e la collocate in una città che vi piace. Trovate poi una fonte di reddito, e forse un’entrata di denaro anche per il vostro partner. Riunite tutte le attività a cui amate dedicarvi, gli splendidi oggetti che trovate qua e là, i sentimenti di euforia, di sensualità e tutto ciò che volete, e mettete tutto nella Scatola della Creazione.

Potreste svolgere quest’attività come un semplice gioco mentale, ma è molto più divertente se vi procurate realmente una bella scatola e la riempite con oggetti che rappresentano i vostri desideri. Comincerete ad osservare che, quando infilate nella Scatola della Creazione un desiderio privo di resistenza, l’Universo ve lo procurerà subito.

Quando invece inserite nella scatola un oggetto nei cui confronti avete sviluppato un atteggiamento di resistenza, il desiderio corrispondente impiegherà più tempo a realizzarsi.

Questo processo vi può sembrare capriccioso, ma è una tecnica assai efficace perché migliora la vostra capacità di visualizzazione. Molte persone effettuano le proprie offerte vibrazionali reagendo a ciò che osservano, ma non vi è nessun controllo creativo in questo. Il controllo creativo si effettua invece offrendo deliberatamente un pensiero, e quando praticate questo genere di visualizzazione, siete completamente padroni di quel pensiero.

Esther giocava al gioco della Scatola della Creazione, mentre assieme a Jerry si apprestava a tornare in aereo da New York a San Antonio. Mentre preparava i bagagli e stava per andare all’aeroporto, riempiva mentalmente la scatola: ad esempio, un cielo meraviglioso; un splendida giornata di sole (adora partire dall’aeroporto La Guardia e vedere i monumenti che ormai riconosce). Un posto bellissimo, tanti ponti e tutta quell’acqua scintillante, quegli edifici imponenti. Pensava agli assistenti di volo dall’aria simpatica, ai passeggeri felici che l’avrebbero circondata e al fatto che il viaggio sarebbe stato molto piacevole. Poi ha pensato: “Spero che per la riunione delle Nazioni Unite non verranno chiuse le superstrade”. A quel punto ha detto ad alta voce: “E’ una cosa strana da porre nella scatola; non ce la voglio”.

Ogniqualvolta inserite deliberatamente elementi nella vostra Scatola della Creazione, vi accorgerete subito quando pensate a qualcosa che non volete provare. Il vostro rapporto con la Scatola della Creazione vi aiuterà a riconoscere la forza dei vostri pensieri.

Dal libro Chiedi e Ti Sarà Dato di Esther e Jerry Hicks

Se trovi gli articoli, le traduzioni e le recensioni di questo sito utili, per favore sostienilo con una donazione. Grazie!